News – AVO Tortona

Decennale Avo Tortona-Novi
Il 14 maggio 2016 i volontari dell’Avo di Tortona-Novi hanno celebrato il loro decennale, unendo momenti di riflessione e formazione a momenti di ritrovo e svago nella splendida cornice del  Castello di Piovera.
A sottolineare l’importanza dell’avvenimento la presenza del dr. Claudio Lodoli, Presidente Federavo Nazionale uscente, Massimo Silumbra nuovo Presidente Federavo e Felice Accornero nuovo presidente Avo Piemonte.
Dopo il saluto del presidente della sezione, Beatrice Cantelli, ci sono stati gli interventi di Claudio Lodoli e Massimo Silumbra, come sempre speciali nel far sentire con la loro vicinanza e  testimonianza di vita quanto profondi siano i valori della nostra associazione.
E’ seguita una conferenza del prof. Pier Luigi Dovis, Direttore della Caritas Diocesana di Torino, Delegato Regionale delle Caritas di Piemonte e Valle d’Aosta, Membro della Presidenza di Caritas  Italiana, invitato per approfondire il tema del volontariato nella società odierna.
Il dr. Dovis, forte della sua esperienza nel campo del volontariato verso i più deboli, ha aiutato i presenti a mettere a fuoco con molta acutezza il ruolo del volontario nella nostra società.
Di seguito  alcuni spunti tratti dalla sua conferenza.:
In questo periodo di crisi, economica e di valori, le istituzioni esaltano e richiedono la presenza del volontariato, ma non lo supportano bensì se ne servono; non bisogna permettere che le interazioni con le istituzioni falsino l’identità del volontario: si deve lavorare in modo sussidiario, non per coprire le mancanze delle istituzioni. I volontari rendono il malato protagonista del suo percorso con un rapporto di reciprocità: il malato non è solo un corpo da curare. Oggi la medicina tende a spersonalizzare la visione dell’uomo nella sua  totalità. Quando il medico abdica al suo aspetto relazionale il malato ne soffre. Occorre partire dal verbo aiutare: aiutare non vuol dire sostituire. Aiutiamo quando aggiungiamo qualcosa alla  struttura in cui operiamo; bisogna ampliare la voce di chi non ha abbastanza forza per chiedere e dare una qualità diversa alla esperienza che la persona sofferente sta vivendo (“siano anzitutto adempiuti gli obblighi di giustizia, perché non avvenga che offra come dono di carità ciò che è già dovuto a titolo di giustizia”. Decreto sull’apostolato dei laici – Apostolicam Actuositatem – Papa Paolo VI – 1965). Il volontario deve essere un attore propositivo di una società diversa, antenna attenta dei bisogni e accompagnatore nella piccola porzione di vita delle persone che avvicina.
Dopo questo  intervento molto apprezzato, i volontari hanno proseguito la loro giornata con un pranzo allestito nei locali della serra e con la visita ai musei ed al parco del castello, accompagnati dal proprietario  conte Calvi di Bergolo. La splendida giornata ha permesso a tutti di vivere lietamente questo anniversario e ha dato la carica per proseguire verso il futuro con tutta la positività  necessaria per portare sempre il sorriso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.